Eventi
Sei in: Tartufointavola.itFreccettaComunicazioniFreccettaNotizieFreccettaDettaglio Notizie

Gubbio: Banfi e Chiatti fanno festa a Laurenti

Pubblicato il 25/10/2016   
Lino Banfi e Laura Chiatti saranno alla Mostra del tartufo di Gubbio per uno speciale omaggio al cinema
Ripercorrere le esilaranti pellicole della commedia sexy all’italiana, omaggiando uno dei registi simbolo del genere cinematografico: Mariano Laurenti. In occasione della trentacinquesima edizione della Mostra mercato nazionale del tartufo bianco e dei prodotti agro-alimentari, si terrà sabato 29 ottobre alle ore 17 presso il centro servizi Santo Spirito di Gubbio l’evento dal titolo “La città incontra Mariano Laurenti – Omaggio al regista che ha divertito intere generazioni con i film della cosiddetta commedia sexy all’italiana”. 
Un pomeriggio che vedrà la presenza del film maker romano per ripercorrere la sua carriera insieme a Lino Banfi e Laura Chiatti, attori che hanno lavorato proprio al fianco di Mariano Laurenti. Parteciperanno anche il sindaco di Gubbio, Filippo Mario Stirati, e i giornalisti Massimo Boccucci e Gianluca Sannipoli. In questa occasione, oltre ai racconti e alle riflessioni del regista, che da 10 anni vive con la famiglia a Gubbio, verranno proposti anche vari filmati sulle commedie più famose che, dalla fine degli anni ’70 fino alla metà degli ’80, hanno divertito e anche fatto sognare gli italiani con attrici seducenti e personalità comiche, che hanno reso questi film dei veri e propri cult del cinema nazionale. 
 
Mariano Laurenti, chi è?
Nasce a Roma il 15 aprile 1929. Esordisce come aiuto regista negli anni cinquanta, per poi diventare rappresentante prima dei “musicarelli”, poi regista della coppia Franco Franchi e Ciccio Ingrassia, orientandosi infine verso la commedia sexy italiana degli anni settanta. È stato mentore dell'artista napoletano Nino D'Angelo. Tra i suoi film più famosi: Vacanze sulla neve (1999), Chiavi in mano (1996), Pierino torna a scuola (1990), Sogno di Zorro (1978), La compagna di banco (1977), Partirono preti, tornarono... curati (1973).